Home

PRIMO PREMIO ALLA LAMBRUSCHINI

Aiutare la comunità a respirare un’aria più pulita è MOLTO importante, soprattutto in questo periodo. La nostra scuola da più di 10 anni contribuisce con i piedi e anche con la mente a rendere l'aria più respirabile. I lavori di approfondimento sul tema dell’ecologia, svolti a scuola, hanno permesso ai più piccoli di crescere nella consapevolezza che ognuno può e deve fare qualcosa per avere un futuro meno “grigio” e inquinato! Anche quest’anno ce l’abbiamo fatta.

GRAZIE a tutti i bambini e alle famiglie della scuola Lambruschini, che hanno permesso, come sempre, di vincere un importantantissimo premio del concorso Raccogliamo MIGLIA VERDI: MIGLIORE SCUOLA PRIMARIA!!!!!!!!

L’impegno dimostrato non si è fermato al periodo del concorso, ma si è mantenuto sempre con entusiasmo e allegria durante tutto l’anno, soprattutto con i pedibus e i carpooling.

 

Graduatoria definitiva accolti scuola dell'infanzia 2017/18

Da oggi è affissa all'albo dell'Istituto e all'albo della scuola dell'infanzia La Giraffa la graduatoria definitiva dei bambini accolti per l'a.s. 2017/18.

 

UN TUFFO NELLA...STORIA

UN TUFFO NELLA…STORIA

 

Le classi 5^A e 5^B della scuola Petrarca si sono recate al museo di Scienze Archeologiche e d’Arte dell’Università di Padova per osservare la collezione del giurista e umanista padovano Marco Mantova Benavides (1489-1582). Amico e mecenate di molti artisti del tempo, tra i quali Domenico Campagnola e Bartolomeo Ammanati, creò una collezione disposta in un primo tempo in alcune sale del palazzo Mantova Benavides, molto vasta, che comprendeva, secondo l’uso delle collezioni cinquecentesche, sculture e marmi antichi rinascimentali, vasi, quadri, stampe, strumenti musicali.

Momento importante per la collezione fu quello dell’inventario da parte del pronipote di Marco, Andrea, che numerò i pezzi con i numeri rossi ancor oggi presenti su molti degli oggetti rimasti. Dopo la sua morte, nonostante un preciso divieto di vendita, il figlio Gaspare trovò il modo di alienare la raccolta che andò così dispersa. In seguito alcuni pezzi furono venduti agli inizi del ‘700 ad Antonio Vallisneri e furono donati dal figlio Antonio junior all’Università. Tutto questo ha permesso ai fruitori di queste rarità di ammirare busti, bronzetti e vasi che ci hanno riportato alla mente miti e leggende sempre vive nella nostra ricca mitologia.

 

Bronzo alla Monte Grappa – Concorso *Raccogliamo Miglia Verdi 2016/17*

Con tanto piacere siamo lieti di farvi partecipi della Vincita del Terzo Premio della Scuola Monte Grappa al Concorso – Raccogliamo Miglia Verdi –, nel secondo anno di adesione al Progetto di Informambiente  del Comune di Padova .Progetto che ci ha visti appassionatamente ,bambini, genitori, insegnanti , coinvolti a promuovere e favorire  la mobilità  sostenibile nei percorsi sicuri casa- scuola e non solo… .

A raccogliere piu’ Miglia Verdi quest’ anno e ‘ stata la  nostra classe di Quinta A che ritirerà  il premio il 18 Maggio presso la Sala Fronte del Porto al cinema  Porto Astra.

Dedichiamo simbolicamente il Premio a tutto il trenino del Pedibus ,che ogni mattina capitanato dalla nostra mamma Capo-cordata in giallo ,da’ il via al Verde Miglio del giorno nella Piazza di Montà.

Hip Hip Urra ‘ per la Quinta A e come sportivamente si dice: Uno per tutti, tutti per uno!!!

 

Settimana della LETTURA

"Un bambino che legge sarà un adulto che pensa". (Anonimo)

Venerdì 21 aprile si sono conclusi tre pomeriggi dedicati alle letture animate che diversi genitori della scuola Lambruschini hanno dedicato agli alunni di tutte le classi. Mamme e papà si sono trasformati in abili attori, coinvolgenti narratori ed abili scenografi per leggere racconti e libri sul tema che ha caratterizzato anche i laboratori espressivi dell’intero anno scolastico: le EMOZIONI. Non c’è dubbio: un insieme di intense sensazioni e di  stati d’animo si è colto dalle espressioni rapite dei bambini!

 

Sulle tracce di Galileo: il Museo di Storia della Fisica per i più piccoli

Noi alunni della classe 3^ B della scuola G. Mazzini, il giorno 29 marzo 2017 accompagnati dalle nostre maestre Amantina e Anita, abbiamo partecipato a un laboratorio di Fisica presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Padova.

“Abbiamo arricchito la nostra mente e il nostro vocabolario.”

Con un bellissimo percorso didattico ci siamo avvicinati alla figura del grande Galileo Galilei, alla storia della scienza offrendoci la possibilità di osservare, chiedere approfondire le nostre conoscenze a soddisfare ogni nostra curiosità.

Al Museo, abbiamo potuto osservare da vicino gli strumenti originali con cui gli scienziati del passato avevano svolto le esperienze, da Galileo a Newton, al grande Copernico, al primo professore universitario di Fisica a Padova “ Polena”   e di altri studiosi.

La Fisica è stata sperimentata, non come una serie di successi, ma come un processo vivo e affascinante, ricco di personaggi e di avvenimenti sempre in continua evoluzione.

Ogni stanza del Museo, racchiudeva tesori e strumenti di Fisica di una tale bellezza da trasportarci in un mondo di stupore. Tutto era silenzio accanto a noi e meraviglia, con la grande voglia di ascoltare la professoressa e il professore; di vederli aprire teche e armadi per prendere strumenti antichissimi e poterli sfiorare e toccare.

“ Quante mani prima di noi avranno toccato questi strumenti; quanti scienziati avranno lungamente e attentamente meditato, per costruirli e portarli alla perfezione scientifica!". Abbiamo osservato in particolare, dal punto di vista storico e scientifico, otto strumenti, tra i quali la sfera armillare, il cannocchiale, il microscopio e lo strumento per lo studio del moto parabolico.

“ Ci siamo immersi in un mondo così strano, ma tutto è stato divertente e istruttivo perché abbiamo scoperto un “ mondo “ a noi invisibile e sconosciuto”.

 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner